Russell Hobbs 19270-56 Cook@Home

Di seguito trovate la recensione della vaporiera elettrica Russell Hobbs 19270-56 Cook@Home! Vedremo quindi le caratteristiche, le funzioni e integreremo le opinioni di coloro che la hanno acquistata, se possibile, dandoci informazioni preziose sullìintegrità nel tempo. Se non avete il tempo per leggere l’intera recesnione vi invitiamo ad andare direttamente al paragrafo “Conclusioni”.

86 lettori hanno comprato questo prodotto
VAI ALL’OFFERTA! >> 32,49 €
86 lettori hanno comprato questo prodotto
VAI ALL’OFFERTA! >> 32,49 €

Russell Hobbs 19270-56 Cook@Home

9 l di capacità

Partiamo con il design: la Russell Hobbs 19270-56 Cook@Home è una vaporiera con una base in acciaio inox (ottimo in quanto a resistenza) e dei cestelli in plastica (non particolarmente spessi) con un fondo fisso che possono essere inseriti uno all’interno dell’altro per ridurre il volume occupato dalla vaporiera. Infatti la Russell Hobbs 19270-56 Cook@Home occupa un po’ di spazio calcolando che ha una capacità totale di 9 l. Questa vaporiera viene fornita anche il tanto richiesto accessorio per la cottura riso con una capacità di 1 l.

Rabbocco esterno

La Russell Hobbs 19270-56 Cook@Home ha un timer di 60 minuti, e non si spegne fino al termine dei minuti stabiliti (a meno che non stacchiate la presa dalla corrente). Sempre sulla base di questa vaporiera notate anche l’indicatore per il livello dell’acqua, contenuta nel serbatoio, che a sua volta ha una capacità di 1,2 l. Se la Russell Hobbs 19270-56 Cook@Home dovesse finire l’acqua prima del tempo di cottura dell’alimento, il termostato si accenderà e si spegnerà fino a quando verrà aggiunta l’acqua, o fino a quando il timer arriverà a 0. Ci sono vaporiere, che offrono lo spegnimento automatico per questi casi ma non è questo il nostro caso. Di positivo però ha le bocchette per il rabbocco esterno.

Potenza nella media

Una volta montata quindi la vaporiera Russell Hobbs 19270-56 Cook@Home e aggiunto gli alimenti e impostato i minuti dovrete solo attendere un segnale acustico che vi avverte quando la cottura è terminata. Non è necessario girare gli alimenti. Gli 800 w di potenza di questa vaporiera sono nella media per quanto riguarda il prezzo. Un wattaggio maggiore avrebbe determinato una maggiore velocità di produzione del vapore da parte della Russell Hobbs 19270-56 Cook@Home, anche se consumi maggiori, ma visto il prezzo non abbiamo nulla da ridire. I commenti trovati in rete sin ora sono più che positivi, noi vi evidenziamo il fatto che i cestelli non sono lavabili in lavastoviglie (sarebbe stato molto comodo) e che dovrete prestare attenzione a maneggiarla con i guanti una volta terminata la cottura.

Conclusioni

La Russell Hobbs 19270-56 Cook@Home è una vaporiera semplice, ma con molte soluzioni pratiche e almeno quelle che reputiamo essenziali. Purtroppo non evita di mescolare i sapori perché non è dotata di un sistema per non far cadere il liquido da un cestello all’altro (non è un problema però se amate mischiare i sapori), ha una buona capacità e potenza (per vaporiere in questa fascia di prezzo), l’accessorio per il riso, timer da 60 minuti con segnale acustico (anche se dovrete prestare attenzione al livello dell’acqua) e la possibilità di aggiungere l’acqua senza dover smontare tutto. Fra le pecche riscontriamo il fatto di non poter lavare i cestelli in lavastoviglie, ma si possono inserire uno nell’altro per ridurre lo spazio di ingombro, e che il libretto istruzioni è un po’ scarno. Il rapporto qualità prezzo della Russell Hobbs 19270-56 Cook@Home è consigliabile, e se volte risparmiare ulteriormente vi invitiamo a cercare fra le varie offerte in rete!

86 lettori hanno comprato questo prodotto
VAI ALL’OFFERTA! >> 32,49 €
86 lettori hanno comprato questo prodotto
VAI ALL’OFFERTA! >> 32,49 €

Vantaggi

  • Capacità
  • Base in acciaio inox
  • Rabbocco esterno
  • Timer e segnale acustico
  • Prestazioni

Svantaggi

  • Nessuna componente è lavabile in lavastoviglie

Scheda tecnica della Russell Hobbs 19270-56 Cook@Home

  • Base in acciaio inox facile da pulire
  • Indicatore del livello dell’acqua
  • Vaschette impilabili per riporle comodamente
  • 3 vaschette con capacità totale di 9L per cuocere contemporaneamente cibi differenti
  • 2 aperture laterali per l’aggiunta dell’acqua
  • Vaschetta per raccogliere l’acqua di scarto
  • Timer di 60 minuti con spegnimento automatico
  • Segnale acustico che indica il termine della cottura
  • Accessori: vaschetta da 1L per cuocere il riso e cuoci uova
  • Potenza: 800 Watt

Foto in alta risoluzione della Russell Hobbs 19270-56 Cook@Home

Qui troverete la foto in alta risoluzione della Russell Hobbs 19270-56 Cook@Home.

Libretto istruzioni della Russell Hobbs 19270-56 Cook@Home

Qui troverete il libretto d’istruzioni della Russell Hobbs 19270-56 Cook@Home.

22 commenti su “Russell Hobbs 19270-56 Cook@Home

  1. Se si deve cuocere solo 1 cibo è necessario comunque inserire tutti i tre cestelli?

    Il fatto che i sapori si mescolino mi sembra un grande svantaggio. Ciò avviene in quasi tutte le marche?

    Mi preoccupa la fuoriuscita di vapore leggendo i vari commenti sulle vaporiere. La fuoriuscita è sempre presente e tale da impensierire?

    1. Ciao Lucia,

      non è necessario inserire tutti i cestelli. Per evitare invece che si mischino i sapori esistono modelli che sviluppano in orizzontale, o che hanno i cestelli con fatti in modo da far scivolare i liquidi di cottura ai lati e non direttamente sotto, puoi vedere ad esempio la Tefal VS4001 VitaCuisine. La fuoriuscita è un minimo presente, altrimenti diverrebbe una pentola a pressione, ma non è preoccupante.

      Ciao,

      Il Team di Vaporiera.net

  2. Mi chiedevo, anche io, se era necessario inserire tutti i cestelli , oppure se si può adoperare un solo cestello? Pensavo che la struttura fosse fatta ad incastro , con i cestelli in alto leggermente più larghi e che quindi il coperchio si poteva adoperare solo sull’ultimo cestello …
    Grazie

  3. Ciao, mi chiedevo se si tratta di materiali sicuri e che rispettano le normative. Pare che ci sia un materiale nelle plastiche che oltre una certa temperatura emette una sostanza tossica..
    grazie.

    1. Ciao Valeria,

      ti copiamo ciò che abbiamo risposto anche ad altri utenti in merito:

      “sulle materie plastiche i produttori devono far riferimento a tutta una serie di normative europee e non. Sono state fatte diverse indagini soprattutto per quanto riguarda la presenza del bisfenolo A sul quale si sta cercando ancora di mettere il punto. Esiste molta letteratura scientifica al riguardo. Per esempio la Direttiva 2011/8/Ue del 28 gennaio 2011 prevede che non vengano immessi in commercio biberon, destinati a venire a contatto con il cibo, che contengano il Bisfenolo A (BPA). Qui trovi un link al sito delli’Istituto Superiore di Sanità. Sul sito dell’Autorità Europea per la sicurezza alimentare, qualche informazione aggiuntiva su indagini scientifiche, alcune domande frequenti sul bisfenolo A, e stato delle normative. Citandone un paio:

      18. L’EFSA ha rilevato pericoli per la salute associati all’esposizione al BPA?
      Secondo le conclusioni dell’EFSA, è probabile che il BPA causi un effetto avverso sui reni e sul fegato e che abbia altresì effetti sulla ghiandola mammaria nei roditori.

      19. Ciò significa che il BPA rappresenta un rischio per la salute umana?
      L’EFSA giunge alla conclusione che il bisfenolo A (BPA) costituisce un basso rischio per la salute dei consumatori, perché il livello di esposizione attuale alla sostanza chimica è troppo basso per causare un danno. Il parere scientifico dell’EFSA dimostra che il livello di BPA a cui sono esposti i consumatori di tutte le età è ben al di sotto del livello stimato di esposizione sicura, noto come dose giornaliera tollerabile (DGT). L’EFSA ritiene che non vi siano preoccupazioni per la salute, perché le stime massime per l’esposizione orale e non orale combinata al BPA sono 3 5 volte inferiori alla DGT proposta, a seconda della fascia d’età. Per tutti i gruppi di popolazione, l’esposizione orale da sola è più di 5 volte inferiore alla DGT.

      20. Che cos’è l’approccio basato sulla dose di riferimento?
      L’approccio basato sulla dose di riferimento (Benchmark Dose, BMD) è un metodo statistico per la stima della dose a cui una particolare sostanza causa un piccolo, ma misurabile, effetto su un certo organo, ad es. una variazione del 5% del peso di un rene o un aumento del 10% dell’incidenza di tossicità a livello epatico. Questo valore di base, noto come punto di riferimento, viene utilizzato per stabilire un valore-guida basato su considerazioni sanitarie, come la DGT.

      Per il parere sul BPA è stato applicato l’approccio della BMD al posto di un altro metodo diffusamente impiegato: il NOAEL, ovvero il livello senza effetti avversi osservabili. Il NOAEL stabilisce un valore di base che dimostra l’assenza di un effetto avverso derivante dall’esposizione a una sostanza.

      I test sulla sicurezza di una sostanza prevedono la somministrazione della stessa agli animali, a dosi diverse, e la registrazione della relativa risposta su un grafico. Gli scienziati definiscono la forma di questo grafico “curva dose-risposta”.
      La principale differenza fra i due approcci sta nel fatto che la BMD utilizza tutti i dati sulla curva dose-risposta, mentre il NOAEL si basa su un singolo punto di dose, selezionato da chi esegue gli esperimenti. Dal momento che si serve di un maggior numero di dati, la BMD è riconosciuta come metodo più accurato e sofisticato.

      In questo parere l’EFSA ha calcolato una BMD per ciascuno dei tre pericoli per la salute identificati come aventi una probabile associazione con l’esposizione al BPA negli animali (effetti avversi sul rene e sul fegato ed effetti sulla ghiandola mammaria). I risultati sul peso del rene rilevati nei topi sono stati utilizzati come base per fissare la DGT provvisoria, poiché erano considerati effetti critici che si verificano attendibilmente a una bassa dose di riferimento.

      Qui trovi altri link alle normative sul sito del ministero della salute.

      Altro discorso si può fare sugli Ftalati però qui si parla anche del confezionamento degli alimenti; se interessato ti suggeriamo di leggere questa presentazione dell’arpa. Per ulteriori dubbi ti invitiamo a contattare direttamente la casa produttrice.”

      Ciao,

      Il Team di Vaporeria.net

        1. Ciao Martina,
          abbiamo fatto una nuova ricerca in merito, ci risulta che sia BPA free. Se desideri aver maggiori informazioni puoi contattare il servizio clienti della Russell Hobbs.
          Ciao!

          Il Team di Vaporiera.net

  4. Se il coperchio può esser messo solo sulla vaschetta più alta, come si fa a cucinare solo con un solo cestello?
    Grazie

  5. Buongiorno. Solo single e sarei interessata all’acquisto di una vaporiera di piccole/medie dimensioni e capacità. Una coppia di amici mi ha consigliato la Russel Hobbs con cui si trovano benissimo usandola tutti i gg. Per una persona sola me la consigliate o posso provare con altre marche, ma di prezzo non troppo discordante dalla Russel. Grazie.

  6. Buongiorno, premetto che mi trovo molto bene con questa vaporiera, ma vorrei sapere come avviene la produzione del vapore. Avviene per induzione o si tratta di classica resistenza?

    1. Ciao Alessandra,

      non possiamo purtroppo verificare questo dato visto che dovremmo aprire la vaporiera per controllare.

      Ciao,
      il Team di Vaporiera.net

  7. Salve, ho ordinato su amazon la 19270-56 Russell Hobbs, nel libretto di istruzioni c’è scritto che si può lavare tutto in lavastoviglie (tranne ovviamente la base elettrica): è possibile che ci sia stato una modifica nel corso del tempo rispetto a quando avete scritto al recensione? (in cui dite che non è lavabile in lavastoviglie) Questo è il link https://www.amazon.it/gp/product/B008Y6IN3S/ref=oh_aui_detailpage_o03_s00?ie=UTF8&psc=1 La vaporiera che ho ricevuto contiene il libretto che dice “lavabile in lavastoviglie”. Per la verità non vedo scritto da nessuna parte il numero di modello, né sulla scatola né sul libretto, ma presumo che sia il 19270-56 visto che l’inserzione dice quel numero e io ho ordinato quello! Grazie

    1. Ciao Andy,
      se è scritto sulle istruzioni allora puoi stare tranquillo. Non escludiamo che sia avvenuta una modifica, ma di solito i produttori lo segnalano.
      Ti ringraziamo molto per la segnalazione.
      Ciao!

      Il Team di Vaporiera.net

  8. Buongiorno
    Poiché mi accingo ora alla cottura al vapore vorrei sapere se la Russell Hobbs è ottimale per due persone?
    Grazie mille

  9. Salve, vorrei acquistare la vostra vaporiera per un regalo. Ho letto che nel pack non è previsto un ricettario. Dove posso trovare un elenco completo di ricette da preparare con questa vaporiera specifica? Sul vostro sito mi è sembrato di vedere solo ricette generiche o mi sbaglio? Grazie!

    1. Ciao Stefania,
      ti consigliamo di fare una ricerca online scrivendo il nome del modello e ricettario in italiano, se non dovessi trovare niente di specifico puoi acquistare uno dei molti libri presenti in commercio che propongono ricette da realizzare con la vaporiera.
      CIao!
      Il team di vaporiera.net

  10. buongiorno
    ho vaporiera Russell hobbs da meno di un anno e da un paio di giorni il timer si blocca e non va più avanti. Sapete dirmi perchè e se posso fare qualcosa?

    1. Ciao barbara,

      purtroppo non rispondiamo a domande concernenti manutenzione, assistenza tecnica o di uso del prodotto successivo all’acquisto. Prova a contattare la casa produttrice!

      Pubblichiamo comunque la tua domanda, nel caso qualche altro utente abbia avuto un caso simile al tuo e possa aiutarti.

      Ciao,

      Il Team di vaporiera.net

Lascia un commento

Hai domande sul prodotto Russell Hobbs 19270-56 Cook@Home?*
Scrivi qui sotto, risponderemo il prima possibile!

Se invece hai bisogno di un consiglio, o vuoi la nostra opinione su un prodotto che ancora non abbiamo recensito, scrivi la tua domanda qui

*Il nostro sito offre un servizio informativo sugli acquisti: non risponderemo quindi a domande inerenti a problemi di assistenza tecnica o manutenzione.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *